L’estasi dell'alterità

Lorenzo Bernini

Abstract


La teoria del riconoscimento di Judith Butler*

Judith Butler[1] è nota in Italia, come in tutto il mondo, soprattutto come pensatrice lesbofemminista, ma la sua filosofia queer si fonda in realtà su una teoria del riconoscimento che interroga radicalmente il concetto di alterità. In queste pagine ripercorrerò sinteticamente l’itinerario intellettuale della filosofa statunitense per mostrare come in esso l’uso di un metodo argomentativo che attinge dalla genealogia (Foucault) e dalla psicoanalisi (Lacan, ma non solo) si accompagni a una ripresa della filosofia del soggetto di Hegel. Scopo di questa ricostruzione sarà mettere in evidenza alcuni limiti del pensiero di Butler che mi appaiono offrire una straordinaria occasione per continuare a pensare.

 

Leggi tutto l'articolo


* Questo articolo è una rielaborazione del mio saggio La teoria del riconoscimento di Judith Butler: dalla parodia drag all’etica della non-violenza, in Marcucci N. e Pinzolo L. (a cura di) Strategie della relazione. Riconoscimento, transindividuale, alterità, Roma, Meltemi, 2010.

[1] Butler è nata a Cleveland, Ohio, nel 1956, da una famiglia ebraica. Attualmente è Maxine Elliot Professor presso l’Università della California (Berkeley) dove insegna Retorica, Letteratura Comparata e Women’s Studies.


Full Text: PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


 

 

 

 

 

 

 

http://fogli.centrostudicampostrini.it

Rosa Meri Palvarini
Presidente della Fondazione Centro Studi Campostrini

Massimo Schiavi
Direttore Responsabile e Scientifico



Fondazione Centro Studi Campostrini. Tutti i diritti riservati. 2012.

Reg. Tribunale di Verona n. 925 del 12 maggio 2011.
La proprietà letteraria dei saggi pubblicati è degli autori. Tutti i saggi sono liberamente riproducibili con qualsiasi mezzo con la sola condizione che non siano utilizzati a fini di lucro. L'autore e la fonte debbono sempre essere indicati.

All articles are property of their authors. They are freely reproducible in any form as long as not used for profit. In all cases both authors and source must be indicated